UNIVERSITÀ: NONOSTANTE LA “NO TAX AREA” IL NORD RESTA PIÙ CARO

UNIVERSITÀ: NONOSTANTE LA “NO TAX AREA” IL NORD RESTA PIÙ CARO

Con l’emergenza Covid il Ministero dell’Istruzione ha esteso per le Università la “no tax area” – introdotta nel 2017 dalla Legge di Bilancio e destinata agli studenti con reddito ISEE inferiore a 13mila euro – alle famiglie con reddito ISEE fino a 20mila euro.
Coloro i quali rientrino nei parametri previsti – che per gli iscritti agli anni successivi al primo includono anche il conseguimento di un numero minimo di crediti formativi – devono quindi corrispondere unicamente la tassa regionale e l’imposta di bollo e non sono pertanto tenuti a pagare i contributi universitari a cui sono invece soggetti tutti gli altri studenti.
Inoltre, sempre in seguito al protrarsi dell’emergenza sanitaria, alcuni atenei hanno esteso ulteriormente la “no tax area” o comunque hanno previsto sconti anche per gli studenti con redditi superiori alla soglia indicata.
Nel consueto report Federconsumatori sulle Università italiane, gli atenei settentrionali si confermano nonostante tutto i più cari: i costi superano del +47,2% quelli delle università del Sud e del +19,7% quelli degli atenei del Centro. Si conferma inoltre il primato di ateneo più caro dell’Università di Pavia, che prevede imposte massime medie di 4.223,00 euro annui. 

Admin

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.